Barricata • bilancio, ringraziamenti e “making of”

A certi appuntamenti di orienteering non ci si può presentare impreparati.

È vero che, per occasioni così prestigiose, non si sarà mai preparati abbastanza, ma ugualmente bisogna arrivare nelle migliori condizioni possibili, e stavolta anche io ho fatto il mio dovere.

Non sono qui per autoincensarmi, però.
Il merito va ai miei due grandissimi preparatori: lo Speaker, ovvero colui che sempre dimostra grande fiducia in me e mi ritiene all’altezza di qualsiasi compito, e l’Idolo di Gropada, che sa stimolarmi e motivarmi con sfide che mi riempiono di entusiasmo.
In altri termini: il non plus ultra dell’orienteering quanto a esperienza e competenza. Chiunque, insomma, con alle spalle questi due sponsor, avrebbe avuto risultati brillanti.

Ecco come il capolavoro di Barricata è stato possibile:

 

 

 

Perciò, sarebbe ipocrita nascondere la mia soddisfazione per  l’importantissimo risultato raggiunto a Barricata, che devo principalmente – oltre che ai già citati Maestri dell’Orientering – allo

straordinario, generosissimo Coso,

senza il quale, in fondo, niente di tutto questo sarebbe stato possibile.

9 thoughts on “Barricata • bilancio, ringraziamenti e “making of”

  1. Dario

    Non c’è un dettaglio che sia stato tralasciato, perfino i computer !!
    I-tracc , i-speak , i-magn … Geniale

  2. The Speaker

    Lo sappiamo che lo odi, anzi “lo disprezzi apertamente”… :-)
    Ma noi siamo taaaaaanto simpatici e belli!

  3. Pingback: Pene d’amor perduto «

  4. Pingback: Orienteering a Malchina: Oritorta di Gropada | Larrycette

  5. Pingback: Due su Tre giorni delle Trincee «

  6. Pingback: Menu tipico regione Lazio | Larrycette

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *