L-Inkrostate (Crostate per il corso su Linked-In)

      No Comments on L-Inkrostate (Crostate per il corso su Linked-In)

Crostata-nocciole-ricetta-uauacademy

Meno male che a Trieste c’è la Uauacademy che fa dei corsi interessanti cui partecipare recando meco fonti di colesterolo e carboidrati, fornendomi altresì l’assist per pubblicare una ricetta ogni tanto, giacché già da ‘ste prime righe si vede che son fuori allenamento¹.

Siccome ai corsi UAUA c’è sempre qualcuno che mi chiede la ricetta per educazione (fanno a chi capita il caffè più corto e si lanciano, tra i sospiri di sollievo di coloro a cui non è toccato il compito), solo per questa volta ho pensato di fare una mossa in linea con lo spirito dei corsi di comunicazione, e pubblicare la ricetta prima, in modo da poter dire “la trovi sul mio blog”.

Sicuro che oggi non me la chiede nessuno.

[bctt tweet=”Stupite i vostri amici con una #ricetta a prova di Larry che vale per due (ricette, non Larry): L-Inkrostata”]

 

Ricetta per la crostata al farro con marmellata di maracuja e guayaba e un po’ di fragola per aggiustare il tiro.

Larrycette-ingredienti

Per una teglia da 36 centimetri di diametro (zum zum – cit.)

375 grammi di burro
300 grammi di farina di farro integrale
50 grammi di amido di frumento
50 grammi di farina di frumento tipo 0
150 grammi di zucchero
2 uova intere
un pizzico di sale
mezza bustina di lievito per dolci

Un vasetto di marmellata Altromercato guayaba e maracuja
Mezzo vasetto di marmellata di fragole a vostro piacimento (io ho usato la Rigoni, se vi è piaciuta)

Larrycette-procedimento

Con tutti gli ingredienti del primo paragrafo, si fa la pastafrolla. Basta impastarli, non ci vuole una laurea.
Il peso del burro corrisponde a un panetto da 250 grammi e mezzo: tenetene da parte un cubetto per imburrare la teglia, la frolla verrà lo stesso.

Imburrate la teglia col cubetto gelosamente tenuto da parte, stendete due terzi della frolla – ah, ehm, sì, è appiccicosa come la carta moschicida, non ve l’ho detto prima per farvi una sorpresa – nella teglia, formando un bordino un po’ più alto, e bucherellate il fondo (se siete riusciti a liberarvi dalla pastafrolla).

In una terrina miscelate le marmellate, eventualmente scaldandole un po’ per renderle più fluide.
L’operazione è necessaria affinché tutta la crostata abbia lo stesso gusto.
Ho usato due marmellate diverse perché la marmellata di maracuja e guayaba è leggerissimamente allappante².

Con la pasta rimanente fate il minimo sindacale di decorazioni, così riuscite anche a farci saltar fuori i biscotti per i colleghi per mercoledì.

Infornata nella parte bassa del forno per una mezz’oretta a 180°.
Questa frolla è colla e sta una vita a cuocere, quindi la torta tende a bruciare in superficie prima che il fondo sia cotto. Mettendo la teglia al livello più basso, scongiuriamo questo pericolo (ma un’occhiatina ogni tanto ce la darei lo stesso).

Crostata-farro-ricetta-uauacademy

 

[bctt tweet=”Twitta ai tuoi amici la #ricetta per una #crostata che sapevano fare benissimo da soli!”]

Ricetta per la crostata alle nocciole con la crema di nocciole,

aka “crostata di backup”, quella nell’immagine di apertura.

Larrycette-ingredienti

Per una teglia da 36 centimetri di diametro (zum zum – cit.)

375 grammi di burro
300 grammi di farina di frumento
50 grammi di amido di frumento
150 grammi di zucchero
150 grammi di nocciole tritate
2 uova intere
2 cucchiai da minestra di cacao in polvere
un pizzico di sale
mezza bustina di lievito per dolci

400 grammi di crema di nocciole.
Anche in questo caso io ho usato la Rigoni, e stavolta ve la consiglio caldamente perché è un po’ meno dolce della Nutella, quindi è più buona e sopporta meglio la cottura.

Larrycette-procedimento

Tale e quale al precedente, solo che al posto della marmellata ci mettete la crema di nocciole.
Per quanto incredibile, questo impasto è ancora più appiccicaticcio del primo.

Avendo tempo, potete far riposare gli impasti in frigo, giova alla frolla e ai vostri nervi; altrimenti fate come me e vi intrappolate da soli nella frolla³.Ricetta-crostata-Larrycette-uauacademy

 

Note al testo

  1. Non sono tanto vere le prime righe, ho scritto così per scherzo, in realtà curo poco il blog perché scrivo un casino per conto terzi. Evviva, congrats!
  2. Grazie, Giraffa, che hai regalato a Zzi questa marmellata, insieme a tanti altri deliziosi prodotti equosolidali, che ci hanno reso tanto felici, ma spalmandola sulle gallette sembra di mangiare marmellata di carciofo crudo con lo zucchero… invece, cotta è buona e dà un bel morbin al dolce.
  3. Ho preso quel disegnino bellissimo dal profilo Facebook della mia amica Abbacchietto, non ho idea chi sia il raffinato autore. Se qualcuno sa chi sia, parli!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *