GIOCO A PREMI Non si capisce il motivo [manche 11]

      17 Comments on GIOCO A PREMI Non si capisce il motivo [manche 11]

Buongiorno, miei piccoli lettori!
Abbiamo sorteggiato il vincitore dell’agenda (e-mail numero 2), abbiamo miseramente fallito nella conservazione della relativa testimonianza, questa mattina ci siamo pesate (il soggetto della frase è “io, Sarma e le vocine nella mia testa”) e ci siamo scoperte quattro etti più leggere della scorsa volta, i biglietti della tartan-coperta sono sold-out, quelli per i concerti di Bruce sono in saccoccia (spero!), siamo in procinto di andare a comprare i regali di Natale, di restituire i libri alla biblioteca, e questa sera ci attende una nuova lezione del corso di Sloveno, i cui insegnamenti continuiamo a tenervi segreti.

Insomma, direi proprio che tutto è sistemato e che il mondo, domani, può finire in pace.

Ma prima… prima c’è un nuovo motivo misterioso da indovinare!

In caso – imprevedibilmente – il mondo non finisse domani, il gioco che appassiona grandi e piccini, orientisti e sartine, musicisti e non udenti (perché, in fondo, hanno le medesime possibilità) continuerà per chissà quanto tempo ancora.

Io, nel dubbio, contribuisco alla catastrofe planetaria con una nuova esecuzione.

Gli ultimi arrivati trovano il regolamento qui; in breve: vince un cellulare vintage il primo che totalizza 30 punti.

Potrei premettere molte cose, ma sono sinceramente convinta che stavolta non occorrano suggerimenti, quindi per il momento taccio.
Spero non occorrano, ma vi darò qualche indizio se vedrò che siete proprio fuori strada.

Buon ascolto e vinca il migliore!

[leadplayer_vid id=”50DE0DBC4E9BC”]

PS: ho dimenticato di preparare il grafico della classifica aggiornata… seguirà!

17 thoughts on “GIOCO A PREMI Non si capisce il motivo [manche 11]

  1. Larry Post author

    Perbacco, no, non è “Sinceramente boh”, ma grazie per averci provato.

    Dopo il primo tentativo, ecco il primo indizio: è una canzone di Natale.

  2. Francy

    “last christmas”
    so che non l’avrò imbroccata, ama spero che aumentando la partecipazione, per quanto inutile, aumentino gli indizi (che poi io non sarò veloce a cogliere!)

  3. Larry

    Esatto… non l’hai imbroccata!
    Ma hai capito che non è una canzone natalizia tradizionale.

    INDIZIONE: è la mia canzone di Natale preferita.

    Se non riuscite a leggermi nel pensiero, provate a fare un ragionamento con le informazioni che avete sui miei gusti musicali (lo dico perché le avete tutte).
    La soluzione non è lontana!

  4. Larry Post author

    “As time goes by” poteva essere una risposta, ma non è la nostra soluzione.
    È una canzone in lingua straniera, ma esiste una cover in italiano, sebbene decisamente rara e di nicchia, che, però, io ho ascoltato dal vivo.

    Ricapitoliamo gli indizi:

    – È una canzone natalizia;
    – Non è un canto di Natale tradizionale;
    – È la mia canzone di Natale preferita (ormai sapete i miei gusti e vi potete orientare);
    – È composta e cantata in lingua straniera;
    – Ho personalmente assistito alla (rara) esecuzione di una sua cover in italiano;
    – Non è “Last Christmas”;
    – Non è “Natale di seconda mano”;
    – Non è “Sinceramente boh”;
    – Non è “As time goes by”.

    Su, su, che la sapete.

  5. Pingback: LARRYCETTE » Blog Archive » 22 dicembre 2012 [a che punto è la Larry]

  6. Larry Post author

    Sono sinceramente felice che partecipi, ma ora non è che fioccheranno indizi-chiave per ogni scoreggina.
    Ecco, dunque, un indizio commisurato al tentativo:

    l’artista straniero che ha composto questo brano non è Springsteen.

  7. Larry Post author

    Mio diletto, non dirlo qui davanti a tutti!

    Non è questo il brano, per inciso, ma sono curiosa di sapere quale sia la cover italiana alla quale potrei avere assistito.

    Indizio: anche nel titolo di questa canzone è nominata una città.

  8. Larry Post author

    [Faccina con gli occhi sbarrati]

    Come cazzo hai fatto???
    Senza offesa, ma non avrei mai scommesso su di te.

    Chiarisco gli indizi per gli altri:
    – quando ho detto che la soluzione non era lontana, mi riferivo a questo

    – quando ho detto che ho assistito dal vivo alla rara cover, mi riferivo alla versione che ne fa Capossela nei concerti di Natale;

    Non pretendo che sappiate a quali concerti vado (anche se sul blog sta scritto, e non c’è tutta questa scelta), ma l’unico (su 3) artista straniero che ascolto a poter essere stato tradotto da uno dei due artisti italiani che ascolto è Tom Waits.

    Se, però, mi dimostrate che c’è una cover degli U2 fatta da Paolo Conte, vi do due punti lo stesso!

  9. Francy

    Nemmeno io avrei scommesso su di me! In pratica io salto la parte musicale e mi cimento solo con gli indizi, quando gli orientisti sono un po’ distratti…

  10. Dario

    …ma dimostra inequivocabilmente che questo non è un concorso musicale, ma un quiz di logica e conoscenza della biografia dell’autrice…

  11. Larry Post author

    Se conoscessi i brani che eseguo, non avresti bisogno di applicare la logica.
    Le informazioni sulla biografia dell’autrice, in effetti cruciali per individuare la soluzione senza ascoltare il brano, sono tutte pubblicate sul blog (per quanto un po’ sparse).

    Infatti io avevo puntato sulla vittoria di Fed, che era l’unica che sapevo per certo che conoscesse il brano, o su un exploit di Nini, che conoscendo a fondo Vinicioh poteva arrivare alla soluzione per il percorso inverso.
    Secondo me, la Giraffa s’è fatta suggerire da CP…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *