Come donare i capelli, ovvero: come tagliarsi i capelli senza tagliarsi le vene

guida-donazione-capelli guida-come-donare-i-capelli

Se siete di quelle donne o di quegli uomini fighi e sicuri di loro, che portano capelli corti e nonostante questo si sentono perfettamente a proprio agio, le une indiscutibilmente femminili, gli altri comunque bad-boy quanto basta (vedi esempio sopra), non siete il target di questo post – ma mi fa piacere se restate, io parlo con tutti.

Con questa guida a come donare i capelli mi rivolgo soprattutto, però, a chi porta i capelli sotto le spalle, dalle più romantiche delle ragazze ai più irriducibili tamarri dell’hard rock.

guida-donazione-capelli-veri guida-taglio-capelli-per-donazione

 

Se da tempo vi frulla in testa l’idea di accorciare la chioma, ma la prospettiva di anni di rimpianti vi trattiene, non dovete più avere paura!

Io ho trovato il modo di tagliarsi i capelli senza poi dover poi tagliarsi le vene.
In altre parole:
[bctt tweet=”ho scoperto come tagliarsi i capelli senza pentirsene: donandoli! (e ora vi dico come si fa)”]

Donare i capelli per tagliarli e non pentirsi

Spiderman NonciclopediaIl problema di chi porta i capelli lunghi e non li vuole tagliare è che ha dei bei capelli (mi sto vantando, sì, ho quarant’anni, posso smettere di vergognarmi di minuscole qualità).
I pelati si staranno domandando come avere dei bei capelli possa essere un problema, ma sappiano che è una cosa tipo quella dell’Uomo Ragno: noi col dono dei capelli belli ci sentiamo investiti della responsabilità di tenerli al mondo.

 

Se, però, i nostri bei capelli, dopo il taglio, non andassero perduti, ma continuassero la loro esistenza semplicemente altrove, tagliarli non sarebbe più un sacrilegio.

Quante volte, noi con dei bei capelli, ci siamo sentiti dire “Oh, che capelli lunghi! E che folti! Perché non me ne dai un po’, tu che ne hai tanti?”
Ebbene, si può fare!

[bctt tweet=”L’associazione @angeloxcapello raccoglie capelli per donare parrucche ai pazienti oncologici in difficoltà”]

 

L’iniziativa si chiama Un angelo per capello (gran nome, neh?) e consiste in una beneficenza speciale, fatta di donazioni di parrucche alle pazienti oncologiche in difficoltà che ne fanno richiesta. In questo modo si dà loro un sostegno economico e psicologico.

Le parrucche non sono fatte con i capelli che vengono donati, ma vi è un accordo fra l’associazione che li raccoglie e un’azienda che produce parrucche in virtù del quale la seconda donerà alla prima una parrucca ogni 800 grammi di capelli veri ricevuti.
È un’ottima cosa, perché così si può donare anche solo una ciocca e concorrere ugualmente a una buona causa.
Maggiori dettagli e i requisiti dei capelli che possono essere donati si trovano sul sito dedicato all’iniziativa.

 

come-si-donano-i-capelli

 

Come donare i capelli in sette mosse

Donare i capelli è facile, se sai come farlo.
Io ci ho impiegato parecchio a scoprirlo (il che è bene, così ho donato più capelli, ma la verità è che sono una donna avida e inizialmente volevo venderli) e ora posso risparmiarvi la trafila con questa guida per immagini realizzata con l’aiuto di una sconosciuta

1. Avere dei capelli da donare

come-donare-i-propri-capelli

 

Sembra una belinata, ma non lo è.
Qui vediamo la sconosciuta prima del taglio: la chioma è fluente e abbondante, ben oltre il limite del ridicolo.
La lunghezza minima della ciocca da donare è di 25 centimetri.
La sconosciuta, nella fattispecie, poteva ancora uscire dal parrucchiere con i capelli lunghi…

come-donare-capelli

donare-i-capelli-come-fare

 

 

 

 

 

 

 

2. Lavare i asciugare i capelli accuratamente

Per essere donati, i capelli devono essere puliti e asciutti.

La sconosciuta si è lavata e asciugata i capelli a casa, poi si è recata nel salone di fiducia, il cui titolare era stato preavvisato dell’esigenza di raccogliere i capelli tagliati (e della pantomima delle foto) e aveva acconsentito a una procedura di taglio non convenzionale; di più: vi si è generosamente prestato.

3.  Raccogliere saldamente i capelli da donare poco sotto il punto di taglio

Una volta tagliati, i capelli non dovranno scappare dai fermagli, quindi vanno legati saldamente.

Per sicurezza, la sconosciuta ne ha intrecciato una ciocca
Il suo gentile parrucchiere ha fatto altrettanto con l’altra, ottenendo un risultato ben diverso.

come-si-fa-a-donare-i-capelli

donare-i-capelli-come-si-fa

 

 

 

 

 

 

 

 

4. Far tagliare senza pietà

donare-i-capelli-ecco-come

donare-i-capelli

 

 

 

 

 

 

 

Seriamente parlando, è quasi indispensabile che se ne occupi il parrucchiere, perché sarà poi lui a eseguire il taglio di rifinitura, ed è utile che ci metta le mani uno capace.

come-donare-i-capelli

Senza contare il fatto che è un po’ come cucirsi da soli le ferite senza anestesia: si può fare, ma ci vuole coraggio.

5. Farsi sistemare il taglio da uno bravo

Donazione-capelli-Larrycette-com

La sconosciuta che si è prestata alla dimostrazione è andata da Green Leaf, a Trieste, il salone che Maurizio Grison ha aperto da ormai alcuni anni in via Ghega (proprio vicino a Zampolli, è praticissimo: ti tagli i capelli e ti fiondi consolarti col gelato, in altre circostanze).

L’ambiente è piacevole, pulito, calmo e professionale.
Il personale è gentilissimo e preparato.
Maurizio è competente, molto esperto e molto bravo a consigliare.
Come tutti i parrucchieri, fa quello che gli pare, ma lo fa dopo averti convinta della bontà della sua idea, e quindi esci soddisfatta lo stesso.

6. Spedire la chioma a Un Angelo per Capello

donazione-capelli-come-si-fa

L’associazione riceve la posta all’indirizzo:

Mediavision soc. coop.
C. da Montefreddo, 2
70029 Santeramo in colle (BA)

Se si vuole comparire fra i donatori, si devono caricare le foto attraverso l’apposito modulo e acconsentire al loro utilizzo, altrimenti, se si vuole essere un donatore anonimo, non occorre fare altro, tranne l’ultimo passaggio:

 

guida-per-donare-i-capelli

7. Vantarsi con tutti del nuovo taglio e della bella idea

Scherzi a parte, alla sconosciuta il nuovo taglio sta benissimo.
Entro le prossime 24 ore imbraccerà un fucile a pompa e farà una strage, perché ha un ciuffo che le si infila continuamente in un occhio, ma sta benissimo.
Tutti le fanno i complimenti.
È stata anche protagonista di un divertente siparietto all’ufficio postale:

Sconosciuta: Buongiorno, vorrei spedire questa busta
Impiegata: Buongiorno… ma se gà tajà i cavei?! Che ben che la sta!
Sconosciuta: Grazie, sono nella busta.
Impiegata: Cossa?
Sconosciuta: I miei capelli, sono nella busta che ha in mano

Hai i capelli lunghi e sei oggettivamente troppo vecchio per portarli?
Vorresti avere una vita e trascorrere meno di venti minuti sotto il getto dell’acqua per lavarli?
Vuoi dire addio ai nodi e ai nidi di topo sulla nuca?
Vuoi smetterla di impigliarti in tutti i bottoni e le cerniere che indossi, o che indossano le persone accanto a te?

Tagliati quei capelli e donali!

O, almeno, condividi:

[bctt tweet=”La guida definitiva per donare i capelli”]

… Un amico coi capelli lunghi ce lo avrai!

(io sabato vado a donare pure il sangue, poi trovo come donare la cellulite ed è fatta!)

 

 

7 thoughts on “Come donare i capelli, ovvero: come tagliarsi i capelli senza tagliarsi le vene

  1. silvia

    oh mamma mia, l’hai fatto veramente!!! Non ti riconoscerò più!!! Comunque sei meravigliosamente UNICA!!!!

  2. Larry Post author

    Lo sooooo!
    È contronatura, è un atto contrario alla morale e all’umanità, ma era per una buona causa… Vostro onore, abbiate pietà di me e del mio gesto sciagurato.

    Tra l’altro, la natura s’è già vendicata perché, non appena mi sono lavata i capelli in casa e non li ho messi in piega come ha fatto il parrucchiere, ho iniziato a sembrare Eddie Redmayne.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *