È in edicola, a fascicolo: Impara lo Sloveno con Larrycette [5]

IL SOSTANTIVO

È il nome: proprio, comune, di cosa, di persona, di animale, concreto, astratto… è sempre un sostantivo.

In sloveno i sostantivi possono essere di uno di questi tre generi: maschile, femminile, neutro, ovvero moški spol, ženski spol, sredni spol.

Si noti che nell’aggettivo sredni (neutro) è contenuta la radice di XXX, che significa “medio” (infatti il mercoledì, che è il giorno in mezzo alla settimana, si chiama sredan).

In linea di massima, i sostantivi riferiti a cose concrete che hanno un proprio genere, sono del medesimo genere del loro referente, ma non è sempre così: djete significa “bambino piccolo/neonato” ed è neutro, anche se sicuramente il pupo o è maschio o è femmina; in compenso, per indicare un bambino (un po’ più grande) si usa anche otok, che è maschile; se è una bambina è una punčka.
La cosa è interessante: è come se gli umani assumessero il genere grammaticale solo una volta che il loro aspetto permette di identificarli inequivocabilmente. Finché sono abbastanza piccoli da generare la domanda “è un maschietto o una femminuccia”, lo sloveno si toglie dai guai e li nomina con un sostantivo neutro (del resto, è neutro das Kind in tedesco ed è neutro child in inglese).

Come si fa a riconoscere il genere di un sostantivo?
Bisogna guardare con che desinenza esce al nominativo singolare.

Se termina in consonante, è maschile; se termina in -a, è femminile; se termina in -e o in -o, è neutro.
Fin qua, tutto facile. È ovvio che ci sono eccezioni, ci sono maschili in -a e femminili in consonante (credo), ma ce ne occuperemo più avanti. Per ora ci facciamo bastare questa regola – che, comunque, ci consente di affrontare la prima declinazione maschile, la prima declinazione femminile e la declinazione del neutro, unica.

Impariamo, quindi, un po’ di vocaboli che rientrano in queste declinazioni:

Moški spol:

čovek: individuo
most: ponte
vrtec: asilo
zdravnik [zdrau’nik]: dottore
vlak: treno
konj: cavallo
gospod: signore (anche come appellativo)
trg: piazza

Auto è maschile anche se termina in -o perché è un’abbreviazione di Automobil. Per la stessa ragione è maschile Kino

Ženski spol:

trgovina: negozio
ulica: via
slaščičarna: pasticceria
reka: fiume
gora: monte

Sredno spol:

more: mare
vino: vino
pivo: birra
mleko: latte

…e altri che mi verranno in mente troppo tardi.

 

Vi ricordo l’offerta speciale per acquistare un anno di spazio web su Hostgator con lo sconto di $ 9,94 cliccando sul banner a lato e inserendo il codice promozionale larrycetteprimavera2012. Maggiori dettagli qui.

 

One thought on “È in edicola, a fascicolo: Impara lo Sloveno con Larrycette [5]

  1. Pingback: Imparare lo sloveno - riepilogo grammatica | LARRYCETTE

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.